Home » Banca » Chi siamo » La nostra storia

La nostra storia

Oltre un secolo a fianco delle comunità locali

Le origini della nostra Banca risalgono al febbraio 1897, quando ventidue pionieri della cooperazione fondarono la "Cassa Rurale di Depositi e Prestiti di Ghedi", dando vita ad un efficace strumento di sostegno delle famiglie e dell'economia locale ispirato ai principi della solidarietà cristiana, che consentisse l'accesso al credito a tassi contenuti e combattesse il fenomeno dell'usura. Nello statuto sociale allegato all'atto costitutivo era definito lo scopo della società "il miglioramento morale ed economico dei suoi membri mediante atti commerciali". I valori che hanno ispirato i soci fondatori sono rimasti, nel corso del tempo, un caposaldo per la gestione e l'amministrazione della Banca. Nel corso degli anni successivi alla fondazione, l'azienda segna un continuo sviluppo favorito dai vantaggi offerti ai Soci, registrando una crescita costante nei depositi, negli impieghi, nell'utile e nel patrimonio.

La Banca continua la sua espansione anche durante i difficili anni della prima e della seconda guerra mondiale. Dopo la fine del periodo bellico, la ripresa delle attività economiche rilancia la crescita della Cassa Rurale che riprende la propria normale attività creditizia conseguendo risultati lusinghieri.
Durante gli anni sessanta, gli ottimi risultati di bilancio rispecchiano un panorama economico locale decisamente confortante, caratterizzato dallo sviluppo dell'industria e dell'artigianato. Nel 1964 l'Assemblea dei soci ratifica l'adesione all'Istituto di Credito delle Casse Rurali ed Artigiane (ICCREA).
Gli anni settanta e le fusioni. Nel 1972, la Cassa Rurale di Ghedi incorpora le consorelle di Calvisano e Fiesse. E' un primo passo per raggiungere una dimensione che consenta di dotarsi di una struttura più funzionale, più efficiente e migliorare i servizi erogati alla comunità locale. A breve distanza, nel 1974, segue la fusione con la consorella di Alfianello, la più giovane delle quattro componenti della nuova realtà bancaria.

Nonostante le fusioni maturino in anni estremamente difficili per l'economia nazionale ed internazionale, la struttura economica locale estremamente diversificata rende possibile un rapido assorbimento delle situazioni più critiche permettendo alla Cassa Rurale di registrare una continua crescita del proprio giro d'affari e del proprio patrimonio. Durante gli anni ottanta, l'evoluzione che vive l'intero sistema bancario, spinge le Casse Rurali ad ampliare funzioni e servizi, sviluppando la gamma dei prodotti e dei servizi offerti alla propria clientela.
A partire dal 1990, la Banca inizia una forte espansione territoriale, scandita dall'apertura, in rapida successione, di nuovi sportelli fino a formare una rete che conta, ad oggi, complessivamente 23 sportelli disposti strategicamente sul territorio locale.
Nel 1995 la Cassa assume la denominazione di "Banca di Credito Cooperativo dell'Agrobresciano".
La crescita della banca è stata accompagnata da un incremento nel tempo della compagine sociale; particolare attenzione è stata dedicata all'inserimento dei giovani, delle donne e degli imprenditori locali.

La storia dell'evoluzione della Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano dalle sue origini fino ai giorni nostri è descritta in una splendida monografia "BCC Agrobresciano 1897 2007", realizzata per i 110 anni della Banca. Il volume può essere richiesto presso la propria Filiale da tutti i Soci e i Clienti; il volume è disponibile fino ad esaurimento delle scorte.